LA VISITA DAL VETERINARIO: UN INCUBO O UNA GITA PIACEVOLE?

22/02/2022
Consigli veterinari, Cane, Gatto

A quanti di voi è capitato di dover convincere e trascinare il vostro cane dal veterinario perché appena si accorge del luogo dove state andando punta le zampe? E vogliamo parlare delle strategie di ogni tipo per far si che il vostro gatto entri nel trasportino??

Poter trasformare la visita dal veterinario in qualcosa di abbastanza piacevole non è una cosa così lontana, basta avere qualche accorgimento.

Innanzitutto, non pensiamo di andare dal veterinario solo quando il nostro cane o gatto ha un problema urgente, altrimenti è abbastanza ovvio che assocerà una sensazione negativa di malessere alla visita, per non parlare di eventuali procedure come prelievi del sangue o altro che rinforzeranno questa percezione.

Nella mia attività di ambulatorio, soprattutto nelle visite dei cuccioli e gattini segnalavo ai proprietari di venire a trovarmi in ambulatorio anche durante una passeggiata, anche solo per entrare, magari pesarsi e ricevere un premietto, o anche solo per una carezza del veterinario.

In questo modo si riesce a fissare nella mente del cane e del gatto che quel luogo non è così negativo, ma che ci possono essere situazioni piacevoli ed appaganti.

Anche a casa il nostro approccio alla visita dal veterinario deve essere fatto in modo corretto. Facciamo un esempio concreto per il gatto: se noi facciamo apparire il trasportino solo quando dobbiamo andare dal veterinario è abbastanza ovvio che il gatto assocerà questo oggetto alla visita del veterinario. Se invece lo lasciamo a disposizione del gatto, in modo che possa magari usarlo come tana, per dormire o se c’è qualche gioco dentro per giocare, potrebbe percepire questo oggetto come qualcosa di piacevole per potersi rifugiare.

Indubbiamente anche il vostro veterinario gioca un ruolo fondamentale nel rendere piacevole la frequentazione del proprio ambulatorio. Vediamo alcuni esempi di good pratice che possono mettere a proprio agio il vostro amico quattrozampe:

  • Organizzare bene gli appuntamenti così da non far attendere troppo in sala d’attesa, luogo dove ci sono molti stimoli che possono creare ansia e stress
  • Dividere gli spazi in sala d’attesa dedicandone una parte ai gatti più protetta e una ai cani: in questo modo le situazioni stressanti si limitano
  • Sempre in sala d’attesa usare diffusori di ferormoni (meglio se di origine vegetale) che possano mantenere le situazioni di ansia e stress sotto controllo
  • Durante la visita rispettare sempre lo stato emotivo del cane e del gatto e premiarlo quando si comporta bene, dopo una manipolazione o un esame, magari con un biscottino o qualche cosa di goloso.

Questi sono alcuni esempi ma sicuramente la buona pratica veterinaria e la professionalità dei miei colleghi saprà rendere insieme alla vostra collaborazione la visita dal veterinario più piacevole per tutti.

Facebook Marpet febbraio 20228
Potrebbe interessarti anche...
COME TI VESTO?

Pareri e differenze tra collare e pettorina come strumenti di gestione del cane.

Di Veronica Cavestro, Educatrice Cinofila.

IL MIO GATTO È STRESSATO?
Il gatto è ormai noto essere un animale molto sensibile e suscettibile. La sua indole territoriale lo porta a classificare in modo attento gli spazi che ha a disposizione suddividendoli attentamente in spazi dedicati all’attività (come alimentazione, gioco, caccia o eliminazione) e all’isolamento dove può riposare (solitamente in zone alte e dove ha sotto controllo
INSUFFICIENZA RENALE CRONICA
L’insufficienza renale cronica (CKD – Chronic Kidney Disease) è una patologia subdola, non sempre facile da diagnosticare, perché spesso quando i sintomi sono evidenti, sono già indice di patologia in stadio avanzato. Per questo motivo si raccomandano screening annuali in soggetti di età superiore ai 7-8 anni. Questa malattia consiste in una lenta degenerazione della
OBESITÀ E SOVRAPPESO: UNA PATOLOGIA SOTTOVALUTATA
Molto spesso si osservano foto di cani e gatti in sovrappeso, un po’ buffe per le posizioni che assumono a causa del loro peso, ma se ci si soffermasse attentamente su questa problematica con molta probabilità ci sarebbe poco da sorridere. Il sovrappeso e l’obesità nei nostri amici a quattrozampe è una condizione molto diffusa
Iscriviti alla newsletter