RINITI E CONGIUNTIVITI NEL GATTO

02/08/2021
Consigli veterinari, Gatto

A molti di voi sarà capitato di avere un gatto che soffre di riniti e/o congiuntiviti o aver sentito qualche amica/o dirvi che il proprio gatto spesso ha questi sintomi. Questo tipo di manifestazioni cliniche sono purtroppo molto frequenti nei felini domestici e vedono diverse cause sia di tipo virale che di tipo batterico.

Le infezioni delle prime vie respiratorie in generale si manifestano con infiammazioni a carico del naso e della trachea ed in via indiretta anche della congiuntiva (occhio), essendo naso e occhio strettamente correlati.

Gli agenti eziologici maggiormente responsabili sono Herpesvirus felino, Calicivirus e Clamidia. Fortunatamente per questo tipo di malattie esiste una prevenzione con vaccino polivalente che permette di ridurre il rischio di complicazioni sistemiche, ma spesso i sintomi delle prime vie aeree come starnuti, scoli nasali e lacrimazione possono comunque presentarsi, anche in diversi periodi dell’anno. In molti casi ci possono essere anche sintomi come ulcere e infiammazioni del cavo orale (gengiviti), con difficolta ad alimentarsi.

Solitamente queste patologie vengono trattate per via sistemica con l’uso di antibiotici che permettono di evitare infezioni batteriche secondarie che possono aggravare lo stato di salute del gatto e con prodotti topici che permettono di alleviare il fastidio agli occhi e alla bocca. Spesso si utilizzano colliri o pomate per l’occhio oppure gel gengivali o soluzioni cicatrizzanti per la gestione delle lesioni in bocca al fine di ridurre il dolore e permettere al gatto di alimentarsi senza problemi.

Di solito in questi casi si consiglia anche l’uso di alimenti umidi, dalla consistenza morbida che impegnano poco il gatto nella masticazione e facilitano la nutrizione quotidiana.

In molti casi questo tipo di patologie possono restare latenti, cioè possono ricomparire in determinati periodi dell’anno, come durante i cambi di stagione o in periodi in cui i gatti sono sottoposti a stress: in queste situazioni si può verificare un calo delle difese immunitarie che causa quindi una ricomparsa di determinati sintomi tipici come scolo nasale, oculare e/o lesioni nella bocca.

Per questo motivo è importante supportare i gatti che sappiamo essere soggetti a queste patologie con integratori specifici per un reale supporto del sistema immunitario ed essere pronti a trattare i primi sintomi per evitare che si possano aggravare e portare a condizioni di salute più complicati da gestire.

Se il vostro gatto soffre di riniti, congiuntiviti e stomatiti ricordatevi sempre di consultare il vostro veterinario di fiducia così da permettergli di visitare e valutare correttamente la causa di questi disturbi e impostare la terapia più adeguata a seconda della causa e della gravità della patologia stessa. Il veterinario conoscendo la storia clinica del vostro gatto saprà anche consigliarvi i prodotti e gli integratori ideali per ridurre il più possibile le recidive.

23 08 Veterinaria FACEBOOK
Potrebbe interessarti anche...
LA VISITA DAL VETERINARIO: UN INCUBO O UNA GITA PIACEVOLE?
A quanti di voi è capitato di dover convincere e trascinare il vostro cane dal veterinario perché appena si accorge del luogo dove state andando punta le zampe? E vogliamo parlare delle strategie di ogni tipo per far si che il vostro gatto entri nel trasportino?? Poter trasformare la visita dal veterinario in qualcosa di
IL MIO GATTO È STRESSATO?
Il gatto è ormai noto essere un animale molto sensibile e suscettibile. La sua indole territoriale lo porta a classificare in modo attento gli spazi che ha a disposizione suddividendoli attentamente in spazi dedicati all’attività (come alimentazione, gioco, caccia o eliminazione) e all’isolamento dove può riposare (solitamente in zone alte e dove ha sotto controllo
INSUFFICIENZA RENALE CRONICA
L’insufficienza renale cronica (CKD – Chronic Kidney Disease) è una patologia subdola, non sempre facile da diagnosticare, perché spesso quando i sintomi sono evidenti, sono già indice di patologia in stadio avanzato. Per questo motivo si raccomandano screening annuali in soggetti di età superiore ai 7-8 anni. Questa malattia consiste in una lenta degenerazione della
OBESITÀ E SOVRAPPESO: UNA PATOLOGIA SOTTOVALUTATA
Molto spesso si osservano foto di cani e gatti in sovrappeso, un po’ buffe per le posizioni che assumono a causa del loro peso, ma se ci si soffermasse attentamente su questa problematica con molta probabilità ci sarebbe poco da sorridere. Il sovrappeso e l’obesità nei nostri amici a quattrozampe è una condizione molto diffusa
Iscriviti alla newsletter